amletodie-fortinbrasmaschine-1

FORTINBRAS

 

 

Fuori dagli occhi.

E volli tutto fuori dagli occhi.

(  La mia doula ha il    volto bianco    della fiera,

                                            rannicchiato

                                   su una sedia.

                                                                 non già invisibile,

                                                                non

                                                  come quel corpo fremente e nerboruto    

                                                                 che aspetta la sua veste.                                           

                  Tutto ad un tratto La luce getta un drappo, ed una figura compare.

                                             E’ una fiera dal corpo d’ uomo, le cui parole dense cadono

                                                               dalla voce innaturale, come fili di piombo votati al pavimento.

                                                               Ma mentre come mani è trascinata dabbasso,

                                  il collo si  ingrossa

                                                               perchè quel cavo d’eco

                                                               è in alto,

                                                               troppo in alto

                                                               per  quel solo uomo.                          (cosa ) Vorrà dire?

                                -Oh Amleto, perchè sei tu Amleto?

Io non sono Amleto.

                                -Rinnega tuo padre e rifiuta il tuo stesso nome.

                                 o se non vuoi, giura che sarai e non  rinuncerai più a te stesso.,

                                 Per esaudire il volere di tuo padre,

                                -Solo il tuo ( suo ) nome è tuo nemico: tu sei tu.

Non recito più alcun ruolo.

                                -Che vuol dire “Amleto”?

Le parole non dicono più niente.

                                -Non è una mano, né un piede, né un braccio, né un viso,

                                 nulla di ciò che forma un corpo.

I miei pensieri succhiano sangue alle immagini.  e alle azioni

                                -Prendi un altro nome.  

Il mio dramma non si terrà più.  Destìnati ad altri drammi. Datti un altro nome.

                                -Che cos’è un nome?

                                 Quella che chiamiamo “rosa”

                                 anche con un altro nome avrebbe il suo profumo.

Dietro di me viene approntato lo scenario. Da gente cui il mio dramma non interessa, per gente cui non ha niente da dire.

                                -Rinuncia al tuo nome, Amleto, e

                                 per quel nome che non è parte di te, riprendi te stesso.

Neanche a me interessa più.

Non sto più al gioco.

                                     Ogni cosa ha origine da una negazione,

                                                     e si rinnega sè stessi,

                      dal buio, dall’inerzia, dalla solitudine, dalla rassegnazione.

                                              O da una affermazione?                                                   

                                                       Amleto ( non )  è  sè stesso +, ( non ) si racconta +,  perchè

                                                                      ( non ) è il suo dramma che interessa.

                                                 Il teatro che racconta ciò che ( non ) è  successo, sulla scena,

                                                    il teatro che invita alla ricerca di ciò che nel buio  ( non ) c’è,

                                                            il teatro che si fa metateatro, per raccontarsi

                                                                                      e compartecipare,

                                                             dove i figli partoriscono i padri assenti, sordi,

                                                          come marchi e come semi che contengono alberi

                                           già marci, già sani, già fertili, già sterili.   

<< ——————————————— [ Ci si crede al sicuro ]——————————————– >> ——————————————————————————————————————————-

   in quella striscia non nera come quella    che si staglia in una profondità perduta dove

    tutto è  agito, invece ogni cosa comincia e si è travolti,

    perchè quel quadrato nero avanza, come di un moto

  d’astro celeste, avviato dalla spinta di un uomo che

cessa di essere fiera.

Il filo pendulo sferza

len

ta

men

                                                               TE la resa e attira e tira sù un uomo che non trova   riposo

                                                                                              nè vuole trovarlo                  .  Ecco la Macchina.

                                     E quando è tutto perduto nel buio del lato sbagliato della

                                     ricerca, quando non basta più niente in quel quadrato             . Ecco la Macchina.

                                                                di mondo che ci si è assegnati, allora la forza bruta della

                                                                   fiera incontra la volizione dell’uomo, e sotto la luce

                                                                                                    e con la voce ,                 .  Ecco la Macchina.

                                                                                Voce Potente che ingenera Potenza,            

       <<<<<<<< <<  FORTINBRASMACHINE  >>>>>>>>>>

                                                + AMLETO ( ? )                                             URLA

                               si trascendono le posizioni ,

                               come una coclea che riporta su la luce

                               porta alla luce e finalmente tutto si ritrova,

                               e non è   + Amleto, non è   + La Fortinbrasmachine.                  . Ecco la non Macchina.

                                                                 Il dubbio che qualcosa sia, che possa invece non essere

                                                                                   si trasforma in contrapposizione,

                                                                                   generatrice, il duale che si fa uno.

                                                                                                            +Plus

                                                                                           Essere cosa? O essere non.                                   

                                                                                                                                                                         )

Ilenia Sortino
Mi spiace, io, penna, sono rimasta alla mappa concettuale. Mappa, appunto. E la mappa non è il territorio. Bla bla. Non c’è nulla di concettuale, è una strada, su un territorio, uno vero, che è ancora inesplorato. Si possono raccontare fatti, vicende, persone. Ma mettendoli tutti insieme non ne uscirebbe un quadro veritiero su di me. Tutto ciò che la mia persona è, non lo hanno fatto gli eventi. Sono stati solo cornice di un quadro che almeno per l’ artista, ruba la scena a tutto il resto. E questa convinzione, maturata nel tempo faticosamente, rende questa penna convinta di riuscire a trarre una storia meravigliosa anche partendo dalla mappa concettuale più ciofeca che ci sia.